ll Wi-Fi non funziona: perché?

Nella vita di tutti i giorni quando si hanno problemi con la connessione Wi-Fi è fondamentale risolvere la situazione quanto prima, soprattutto se la rete risulti essere uno strumento lavorativo. Fortunatamente spesso la risoluzione non richiede particolari competenze, ritrovandosi con la risposta a portata di mano. Di seguito, un elenco delle varie possibilità di risoluzione.

La prima cosa da considerare riguarda l’hardware. Se di recente è stato acquistato un nuovo router, PC, smartphone o un amplificatore Wi-Fi, in questo caso il problema potrebbe essere causato da un’errata configurazione del dispositivo.

Una configurazione incorretta del router è una delle principali cause del mancato funzionamento del Wi-Fi. Se avessimo comprato un nuovo router o magari da poco attivato una nuova offerta internet con conseguente cambio di operatore, la causa del problema potrebbe risiedere proprio in questa svista. La prima considerazione da fare è legata al router, assicurandoci di aver acquistato un dispositivo adatto alle nostre necessità. Se avessimo deciso di attivare un’offerta internet con modem non compreso per poterne usare uno acquistato da noi, il problema potrebbe essere l’aver acquistato o collegato alla rete o solo un modem, o solo un router, e non un modem/router. Sebbene spesso vengano usati come sinonimi, in realtà modem e router indicano dispositivi con funzioni molto diverse: il modem ha il compito di decodificare il segnale internet, mentre il router è lo strumento che effettivamente provvede alla creazione della rete domestica.

Se il dispositivo dovesse risultare adatto e corretto il problema potrebbe essere legato semplicemente alla sua configurazione. Cercando i parametri di configurazione forniti dal proprio internet provider, basterà usare un modem (ovviamente compatibile) e seguire le indicazioni.

Un altro scenario potrebbe essere vedere il Wi-Fi connesso e attivo sul modem/router, ma non riuscire a navigare. Il problema potrebbe essere l’errata configurazione dei dispositivi in utilizzo. È molto più probabile che accada, per esempio, se si fosse deciso di cambiare il server DNS non nel router ma direttamente dal dispositivo per collegarsi a internet oppure se si fosse passati a un nuovo operatore mobile e fosse stato richiesto di configurare internet sul cellulare. In questi casi generalmente tutto si risolve controllando la corretta configurazione dei dispositivi o in extremis ripristinando le impostazioni precedenti, nel caso avessimo aggiornato recentemente il sistema operativo e/o installato qualche nuova app o programma per PC.

Talvolta, può accadere che questo problema sia solo su un dispositivo. In questi casi il problema è generalmente legato alla nostra scheda di rete. Si può verificare la disponibilità di nuovi driver, ma se non si dovesse riuscire a risolvere nemmeno in questo modo, la causa potrebbe essere proprio un danneggiamento dell’hardware.

Alle volte il problema tende a verificarsi soprattutto dopo o durante un temporale e, se si possedesse una connessione a internet via radio e si notassero malfunzionamenti del Wi-Fi soprattutto durante una pioggia o in presenza di forte nebbia, allora si sarebbe individuata la causa del problema. Questo tipo di tecnologia sicuramente consiste in una valida opzione quando non si ha la possibilità di avere accesso ad una connessione ADSL o magari la fibra ottica, ma in caso di condizioni meteo particolarmente avverse possono verificarsi rallentamenti o interruzioni del segnale. In questo caso l’ideale è segnalare il problema al proprio internet provider, così da poter scoprire anche quali sono i tempi di soluzione del problema in caso di guasto al ripetitore di zona. Il consiglio è anche quello di verificare periodicamente la disponibilità della fibra ottica nella zona in cui si vive, così da poter cambiare gestore e attivare una connessione internet via cavo, tecnologia insensibile alle intemperie.

Ancora, può accadere che il problema non si manifesti in tutta casa ma solo in alcune zone. La causa in questi casi può essere legata alla difficoltà del segnale wireless di raggiungere tutte le zone dell’abitazione. Questo si verifica per lo più in presenza di case strutturate su più piani, dotate di molte stanze, con molti divisori, e, soprattutto se in cemento armato, questi tendono a bloccare il segnale wireless del router, così come accade anche con gli specchi. Risolvere il problema non è particolarmente complesso. Si può tentare di migliorare la propagazione del segnale, per esempio, semplicemente cambiando la posizione del router o, se fosse dotato di antenne esterne estraibili, acquistandone di più potenti. In alternativa, si può acquistare semplicemente un amplificatore di segnale Wi-Fi, un piccolo dispositivo che detiene la mansione di espandere il segnale wireless verso le aree della casa che ne sono prive. Quando la causa del problema è questa, generalmente si manifesta con ogni dispositivo usato per collegarsi a internet all’interno della stanza non raggiunta dalla rete wireless. Un altro segnale di tale situazione risulta essere la velocità di navigazione molto bassa nelle zone in questione. Avere una connessione a internet più potente in questi casi può contribuire ulteriormente a migliorare la situazione.

We will be happy to hear your thoughts

      Leave a reply

      Ripetitore Wifi
      Logo
      Enable registration in settings - general